Stasera nella chiesa di San Pietro, a Candelo, sarà possibile incontrare madre Luisa Liburno, una Flammae Cordis, componente cioè della sezione femminile dell’Oratorio Secolare della Congregazione di San Filippo Neri di Roma.
L’appuntamento è alle 18, per la messa prefestiva: madre Luisa commenterà la festività dell’Epifania, che è manifestazione di Gesù. Poi alle 21, sempre in chiesa, racconterà la storia della sua vocazione. «Due notizie per chi non conosce madre Luisa» dice Franca Banino, una delle volontarie dell’oratorio candelese. «È ingegnere civile e dal maggio 2014 è una Flammae Cordis. Lavora a Roma e con tre consorelle e una novizia; conduce la vita tipica delle comunità oratoriane, in un alloggio non lontano dalla chiesa nuova: dispone di una cameretta con bagno, cucina e sala da pranzo comune, e di una piccola cappella per la preghiera. Affronta ogni giorno i problemi di tutti noi persone comuni, l’unica differenza è che è innamorata di Gesù e lo testimonia ogni giorno nell’ambiente di lavoro».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome