Fratelli d’Italia apre la crisi nella giunta cittadina. E lo fa dopo il comunicato con cui il sindaco Claudio Corradino imputa agli assessorati guidati da Davide Zappalà e Silvio Tosi la mancata partecipazione al bando “Qualità dell’abitare” che ha portato milioni di contributi in tutte le province piemontesi tranne che a Biella. Nel comunicato diffuso in queste ore il segretario provinciale di Fratelli d’Italia Cristiano Franceschini comunica infatti che FdI «ritira dalla Giunta di Biella l’assessore Davide Zappalà a cui va tutta la nostra solidarietà per il poco commendevole scaricabarile patito in queste ore relativamente alla vicenda della mancata presentazione dei progetti al bando sul programma nazionale della qualità dell’abitare».
Nella nota si legge ancora: «Abbiamo taciuto nelle prime ore per evitare che la situazione precipitasse e lo stesso abbiamo chiesto a Davide Zappalà per evitare ulteriori frizioni. Qualcun altro ha inteso questa ennesima dimostrazione di responsabilità non come una lezione di stile, ma come un momento di difficoltà e ha ritenuto di approfittare del senso istituzionale che ha sempre contraddistinto l’operato amministrativo dell’assessore Zappalà. Alla luce di quanto sopra, riteniamo che non ci siano le condizioni per proseguire serenamente un lavoro di Giunta che – lo vogliamo ricordare a tutti – deve sempre essere corale e condiviso».
Il partito della Meloni quindi conferma di mantenere, per ora, un appoggio esterno alla giunta Corradino.
Domani su “il Biellese” tutti i particolari della vicenda, le ripercussioni che questa sta provocando sull’amministrazione cittadina e i gustosi retroscena che la accompagnano.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome