Candelo, il Borgo di Babbo Natale: dati e numeri di un grande successo

0
238
Arrivano i numeri del Borgo di Babbo Natale al Ricetto di Candelo, andato in scena nei fine settimana dal 17 novembre a ieri. Ed è un grande successo. Eccoli, forniti dall’organizzazione, nel dettaglio:
– più di 29 mila visitatori adulti paganti, a cui aggiungere almeno altri 11 mila bambini e ragazzi;
– postazioni espositori: 682 in 8 giorni (4 weekend)
– Associazioni Onlus una media di 5 al giorno (Natale solidale)
– 54 bus turistici
– più di 1,5 km di luci a led
– 85 studenti delle scuole a supporto dell’organizzazione per laboratori e accoglienza ai visitatori (Istituto di Istruzione Superiore “Gae Aulenti” – Biella, Istituto Istruzione Superiore del Cossatese e Valle Strona, I.I.S. “Eugenio Bona” – Istituto Istruzione superiore Eugenio Bona di Biella, Istituto Istruzione Superiore Giuseppe & Quintino Sella Biella)
– più di 1200 passeggini nel deposito gratuito dell’evento
– distribuiti gratuitamente più di 700 kg di panettoni e più di 1000 litri di té
– servizi gratuiti: parcheggi, spazio bebé con fasciatoi, scaldabiberon e microonde
– Promozione: 484.263 persone raggiunte dall’evento Facebook, centinaia di feedback e recensioni positive online e “dal vivo”
«Siamo molto soddisfatti dei risultati record di questa edizione» afferma Eugenio Guasco, presidente dell’Associazione Pro Loco organizzatrice dell’evento «e ringraziamo tutti i volontari, le associazioni del paese e anche i ragazzi dell’alternanza scuola lavoro: tutti insieme abbiamo condiviso anche quest’anno una grande, bellissima avventura che ha portato a Candelo migliaia di persone da tutto il Nord Italia».
L’Amministrazione Comunale ha patrocinato e attivamente collaborato nella realizzazione dell’iniziativa con la Giunta e tutti i Consiglieri: «È stato un gioco di squadra che ha dato risultati molto positivi» affermano il sindaco Mariella Biollino e il vicesindaco Paolo Gelone. «Un ringraziamento molto particolare alla Pro Loco, allo staff direttivo e a tutti coloro che hanno collaborato. L’unione fa la forza».
Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome