L'assessore Gabriella Bessone.

L’assessore Bessone scrive ai gestori Compass, ad Anci Piemonte e Regione

In vista del 14 settembre, primo giorno di scuola, anche la Città di Biella si prepara alla rivoluzione nell’organizzazione delle mense scolastiche. Così come prevedono i protocolli e le norme di rispetto del distanziamento sociale, addio alla distribuzione diretta dei pasti e per ogni alunno verrà fornita una mono-porzione, in vaschette o piatti separati, posate, bicchiere, tovagliolo monouso e bottiglietta d’acqua.
L’assessore all’Istruzione della Città di Biella, a fronte delle ultime notizie in arrivo dal Miur, si è subito messo in azione su due punti focali. Nella giornata di oggi è stata inoltrata una richiesta di preventivo alla Compass Group, che ha in carico la gestione del centro cottura cittadino, per l’introduzione delle mono-porzioni con utilizzo di materiale biodegradabile. Dopodiché l’assessore Gabriella Bessone nella giornata di lunedì aveva già scritto due lettere rivolte ad ANCI Piemonte e assessorato all’Istruzione regionale chiedendo, a fronte delle nuove regole a cui è necessario attenersi, un sostegno economico di aiuto all’amministrazione comunale.
«Come avevamo già pronosticato nel corso delle scorse settimane – spiega l’assessore all’Istruzione Gabriella Bessone -, si va verso la mono-porzione e l’introduzione nel 90% delle mense scolastiche della città del doppio-turno. Abbiamo chiesto anche un parere sulla possibilità del consumo del pasto al banco, ma l’Asl ha richiesto un ulteriore passaggio alla Regione Piemonte. E siamo in attesa. Per il momento l’ipotesi più accreditata resta quella del doppio-turno».
L’assessorato, in stretta collaborazione con gli uffici comunali e le direzioni scolastiche, sta continuamente monitorando anche tutte le ipotesi di logistica per garantire nei locali mensa il necessario distanziamento sociale tra studenti. Al momento i cantieri che dovranno aprire, sul tema adeguamenti mense, sono tre: nei prossimi giorni sono previsti interventi alle scuole De Amicis, Borgonuovo e Villaggio Lamarmora. Alla De Amicis la palestra verrà adibita a mensa, con nuove tinteggiature, nuovi spazi e bagni ristrutturati. Alla Borgonuovo e al Villaggio Lamarmora servirà la posa di pareti mobili per consentire ai rispettivi atri di accesso di essere utilizzati anche come ampliamento delle zone mensa.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome