Sono state 9.082 le visite di prevenzione effettuate dal Fondo Edo Tempia nel 2017, tutte rigorosamente gratuite. Gli esami di screening hanno superato quota 15mila in un anno: 8.862 mammografie, 6.900 esami al collo dell’utero, 2.754 esami al colon retto. Maggiore anche l’attenzione agli stili di vita che contribuiscono a diminuire il rischio di ammalarsi di cancro. Per questo il Fondo Edo Tempia è tra i promotori della Rete della Prevenzione, un’organizzazione che mette insieme chi opera nella lotta ai tumori in Piemonte e Valle d’Aosta, con lo scopo di divulgare le dodici regole del codice europeo contro il cancro. Il 2017 ha portato anche due importanti donazioni all’Ospedale Degli Infermi di Biella. Il laser a olmio è stato consegnato a maggio al reparto di Urologia, grazie al contributo di Fondazione Tempia e Fondazione Cassa di Risparmio di Biella. A marzo, al termine di una raccolta fondi che ha coinvolto associazioni e cittadini, l’ospedale di Biella è stato il primo in Piemonte a dotarsi del Dignicap, l’apparecchiatura che previene la caduta dei capelli nelle donne che si devono sottoporre a chemioterapia. Cura – spiegano dal Fondo Tempia – significa anche dedicare energie al sostegno psicologico, all’assistenza e alle cure palliative. Un impegno portato avanti anche grazie all’indispensabile supporto dei volontari, da sempre un tesoro che arricchisce il Fondo Edo Tempia. «È stato un anno importante per noi» sottolinea il direttore generale Pietro Presti. «Vorremmo fare ancora di più nel 2018. E questo può accadere solo con il sostegno che il territorio, dalle istituzioni ai semplici cittadini, non ci fa mai mancare. Per questo gliene siamo infinitamente grati».

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome