La pole dancer biellese Emily Angelillo nel corso della trasmissione Detto Fatto.

Non si spegne l’eco della bufera mediatica sulla trasmissione “Detto Fatto” di Rai Due che ieri l’altro all’interno del programma ha mandato in onda un “tutorial” su come fare la spesa e spingere il carrello al supermercato camminando sui tacchi, con protagonista sua malgrado la ballerina e pole dancer biellese Emily Angelillo.
Il web ha picchiato giù duro con la trasmissione della seconda rete nazionale e lo spezzone incriminato che «voleva aderire a dei toni comici e surreali» come ha detto la conduttrice Bianca Guaccero, «da non prendere sul serio, ma che stavolta ci sono venuti male».
Il programma pomeridiano è stato sospeso, per diretta decisione dei vertici Rai, ma non si sono placati i commenti sulla scelta di un “tutorial” che è arrivato proprio alla vigilia della giornata mondiale contro la violenza sulle donne.
E oggi, attraverso Facebook, è arrivato anche un lungo post della Angelillo: «Sono veramente amareggiata e dispiaciuta per tutto ciò che è accaduto. Innanzitutto mi dispiace per tutte le donne che si sono sentite offese e per essermi trovata in questa bufera mediatica che mi ha travolto, dando di me un’immagine che non mi rappresenta. Sono da anni una ballerina professionista, una performer di musical e nel tempo mi sono dedicata anche alla pole dance. Sono soprattutto la direttrice artistica di una scuola di danza che dedica tutta la sua vita a formare con dedizione i propri allievi, cercando di insegnare loro non solo tecniche e passi ma anche a essere persone libere da pregiudizi e preconcetti di qualsiasi tipo. Ho sempre combattuto contro i cliché e gli stereotipi che riguardano il mio lavoro. Essere accusata di trasmettere messaggi sessisti mi ferisce perché non appartiene alla mia sensibilità. Ho solo prestato la mia professionalità per un intervento all’interno di un programma per dare consigli su come si cammina sui tacchi e non voglio assolutamente dare giudizi sul lavoro degli autori e su come è stato confezionato lo sketch. Mi spiace tanto che ne sia scaturito un messaggio sbagliato, non era sicuramente quella l’intenzione. Detto questo, la violenza che si è scatenata contro di me sui social mi sta distruggendo emotivamente e psicologicamente, dato che ho ricevuto e continuo a ricevere una moltitudine di calunnie e insulti indicibili che mi mettono paura. Spero di aver chiarito la mia posizione. Il sessismo è un’idea di donna stereotipata sono quanto di più lontano ci sia da me, dal mio pensiero e dal mio stile di vita».

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome