Corsa su strada, Carrera e Bertone danno spettacolo al Giro delle Cascine. Orsetto, Reniero e Mancino campioni regionali

0
731
Il Giro delle Cascine 2019 va in archivio con la soddisfazione degli organizzatori, lo staff del Gaglianico 74: ben 412 atleti al traguardo (449 iscritti) nella corsa nazionale su strada bronze valida per l’assegnazione del titolo regionale 10km, e altri 130 nella non competitiva ludico motoria aperta a tutti su percorso ridotto di 4.5 chilometri.
La vittoria è andata a Francesco Carrera, borgosesiano in forza alla scudettata Atletica Casone Noceto: per lui anche il trofeo in memoria di “Bibo” Cibien. Carrera ha chiuso in 30’32” davanti a El Mehdi Maamari (31’46”), portacolori della Fulgor Prato Sesia, che ha così conquistato il titolo di campione regionale. Sul terzo gradino del podio il milanese Stefano Casagrande (Azzurra Garbagnate, 31’52”). Premiati i primi cinque assoluti e dunque gloria anche per Massimo Farcoz (Pont St. Martin, 32’16”) e Flavio Ponzina (Brancaleone Asti, 32’33”).
Tra le donne la sfida a tre presentata in settimana si è ridotta a due per l’assenza non annunciata di Nadia Ejjafini. Prima al traguardo l’azzurra Catherine Bertone (Calvesi, 34’21”), valdostana di casa anche nel biellese dove ha vissuto a lungo: ha preceduto di 19 secondi la valenzana Elisa Stefani (Brancaleone Asti). Per il terzo posto lotta tra due biellesi e altre tre/quattro atlete: alla fine l’ha spuntata la junior Lucrezia Mancino (Ugb Biella) arrivata al campo Miller Rava in 37’44” con un vantaggio di 12 secondi sull’allieva Arianna Reniero (Atl. Gaglianico, 37’56”).
Nelle categorie giovanili c’è gloria per alcuni biellesi che proprio sulle strade di casa hanno conquistato i titoli regionali.
Tra gli allievi è campione Paolo Orsetto (ottimo 12° assoluto) in un podio tutto targato Atletica Vercelli 78: l’argento è per il vercellese Matteo Riva e il bronzo per il biellese Marco Fila Robattino. Tra le allieve trionfa la già citata Arianna Reniero (Atl. Gaglianico) davanti alla santhiatese Chiara Copelli (Runner Team Volpiano). Tra le junior medaglia d’oro per Lucrezia Mancino (Ugb Biella). Tra le promesse, infine, bronzo per il compagno di squadra Edoardo Russo.
In ambito maschile segnaliamo due biellesi: Barbero Piantino e Beltrami.

Massimiliano Barbero Piantino (Atletica Saluzzo) ha terminato 10° assoluto (seguito a pochi secondi da Alessandro Ferrarotti) ed ha corso tenendo nel mirino il canavesano Paolo Boggio (Atl. Santhià), suo rivale principale per il Trofeo Memorial Ezio Cappio: un secondo di divario in gara con Barbero 10° dietro a Boggio, ma 4 secondi di vantaggio nel computo totale considerando anche la Biella-Santuario di Graglia.

Tra le donne successo della cuneese Eufemia Magro della Dragonero.
Gabriele Beltrami, invece, (Pont Saint Martin) con il suo sesto posto, oltre ad essere il miglior biellese al tragardo, si è aggiudicato anche il trofeo in memoria di Roberto Febbraio, riservato al primo atleta classe ’74.
Per quanto riguarda i premi di società il trofeo memorial Giorgio Scudellaro alla miglior squadra a punti è andato alla Brancaleone Asti che si è aggiudicata anche il trofeo memorial Barbara Lorenzi per la miglior società femminile.
Oltre al memorial Roberto Febbraio e al Gran Premio Ezio Cappio è stato assegnato anche il Gran Premio memorial Elio Cerruti ai primi classificati residenti a Gaglianico che sono risultati essere Edoardo Russo e Eleonora Cerruti.
Sul giornale il Biellese in edicola martedì approfondimenti, interviste e classifiche.
Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome