Valeria Roffino in azione (Foto di Giancarlo Colombo/Fidal).

Ai Campionati Europei di Cross Country i freddi numeri consegnano una prestazione al di sotto delle attese di Valeria Roffino (nella foto Colombo/Fidal), 39ª assoluta. Ma dietro a questo risultato c’è una buona dose di sfortuna: l’atleta biellese, capitana azzurra anche quest’anno, ha gareggiato sul pesantissimo tracciato di Tilburg in Olanda in condizioni difficili a causa dei postumi di un infortunio occorsole una decina di giorni prima dell’evento, la più classica delle distorsioni, arrivata proprio in un momento di eccellente forma come avevano dimostrato il secondo posto al Carsolina Cross di Trieste e il quarto al Cross Internazionale di Soria in Spagna. «Il problema sembrava risolto, invece, il fondo di gara sconnesso e pesante lo ha nuovamente riproposto: ad ogni passo, ogni volta che mettevo il piede a terra sentivo una fitta, via via sempre meno sopportabile» dice l’atleta delle Fiamme Azzurre «Non ho corso come volevo, in curva prendevo traiettorie imbarazzanti per limitare il dolore, ma mi faceva malissimo comunque: ho stretto i denti, volevo arrivare, perché di ritirarmi con indosso la maglia azzurra proprio non ci penso». Ora per l’azzurra un piccolo periodo di riposo e le terapie per tornare in forma perché da fine mese gli appuntamenti sono tanti e importanti: il 31 dicembre a Roma la “WeRunRome” su strada e poi i tre importanti Cross di gennaio, ovvero Campaccio (6), Vallagarina (20) e 5 Mulini (27). La gara è stata vinta dalla turca di origini kenyane Yasemin Can, al suo terzo trionfo europeo, questa volta dopo un lungo testa a testa con la svizzera Fabienne Schlumpf (argento europeo nelle Siepi), mentre sul terzo gradino del podio è salita per la quarta volta consecutiva la norvegese Karoline Bjerkeli Grovdal. Le tre azzurre finiscono vicine tra loro: 39ª, come scritto, Valeria Roffino con un crono di 28’02”, 47ª la matricola emiliana Christine Santi (28’12”) e 49ª la maratoneta veneziana Giovanna Epis (28’15”), risultati che portano l’Italia al 13° posto a squadre.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome