I campioni del mondo della pallavolo incantano la platea. L’anteprima di “Volley sotto il Mucrone”. Foto

0
469

Location diversa (per la prima volta nell’Auditorium di Città Studi), risultato analogo. L’appuntamento con “Campioni sotto le stelle: il Biellese incontra i campioni del mondo della pallavolo” ha riscosso un nuovo grande successo. Merito del giornalista Alessandro Alciato e degli azzurri che si sono messi al collo un paio di settimane fa la medaglia più preziosa. Alla serata che precede il torneo quadrangolare di superlega “Volley sotto il Mucrone” (in calendario sul parquet del Biella Forum oggi è domani) si sono presentati in quattro: Alessandro Michieletto, Riccardo Sbertoli e Daniele Lavia (Itas Trentino Volley) e Gianluca Galassi (Vero Volley Monza); mentre da Siena si è collegato un altro campione del mondo: Giulio Pinali.
Incalzato dalle puntuali domande di Alciato, Alessandro Michieletto racconta: «Vincere il Mondiale è stato bello: volevamo dimostrare che l’Italia era al top. Prenderci una rivincita dopo la Nations League. Con la Francia abbiamo preso consapevolezza per un cammino indimenticabile. Il nostro è un gruppo affiatato. Vincere è stato qualcosa di molto forte e ci stiamo godendo il momento: non è tutto rose e fiori, però io mi diverto a giocare. La mia vita non è cambiata anche se le aspettative sono cresciute». Gianluca Galassi spiega che «siamo cresciuti in un percorso iniziato l’anno scorso. Ci conosciamo da anni ed è bello vederci giocare».
«Il Mondiale è una competizione particolare – dice Riccardo Sbertoli -. Siamo un gruppo giovane che ha dimostrato di potersela giocare con i grandi. Il merito del coach è di averci integrati insieme e in poco tempo siamo riusciti a migliorare, non mollando dopo il quarto posto alla VNL. Siamo rimasti convinti e compatti nella nostra idea».
Daniele Lavia ricorda che «avevamo i brividi sentendo i polacchi cantare il loro inno. Non è stata semplice, ma molto emozionante. Sono dodici mesi che stiamo insieme e abbiamo bruciato le tappe. Giba? È ancora lontano e non mi posso paragonare a un campione come lui (il suo nome è Gilberto Amauri de Godoy Filho), ma sto lavorando sodo per migliorare ogni giorno».
In collegamento Pinali: che punta dritto alle Olimpiadi: «Bisogna pensare subito ad un altro obiettivo».
Presente alla serata il Prefetto Franca Tancredi e l’assessore allo sport di Vigliano. «Questi ragazzi ci hanno dato una grande lezione di tenacia: sono campioni, ma sanno stare con i piedi per terra – ha detto sua Eccellenza il Prefetto -. Ai Mondiali ci avete fatto vivere una grande emozione e sentirvi con grande umiltà stasera mi ha fatto molto piacere».
Il vice sindaco e assessore allo sport della Città di Biella, dopo aver fatto i complimenti ai campioni del mondo e alle loro società, ha ringraziato le ditte De Mori, Cerruti e Mirantico per i prodotti offerti agli atleti. Con il sindaco hanno evidenziato come questi giocatori hanno fatto vedere con umiltà di saper fare squadra, mettendocela tutta per centrare un risultato storico. La fortuna da sola non basta: così come per l’amministrazione che ha avuto la fortuna di organizzare questa serata, ma tutto nasceva dalle capacità della Scuola Pallavolo Biellese e di Giusi Cenedese. Così è arrivato l’ennesimo successo di “Campioni sotto le stelle” e dopo avervi visto trionfare sul campo è stato bello sentirvi. Ma oggi e domani sarà ancora più bello tornare a vedervi impegnati in campo al Forum.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome