Non si è toccata la fatidica quota 1000 ma la “Corsa della Speranza”, organizzata questa mattina sulle strade di Biella dal Fondo Edo Tempia si è confermata comunque la manifestazione podistica biellese con il maggior numero di partecipanti: 930 gli iscritti.
Un successo che testimonia l’affetto della popolazione per questo evento che coniuga l’attività sportiva allo stare insieme e soprattutto alle linee guida dello stare bene e della prevenzione oncologica.

Davanti i runner, quelli che affollano tutte le gare di paese, in mezzo i podisti che hanno deciso di provare a correre i 5 chilometri e mezzo del percorso, e poi centinaia e centinaia di camminatori che hanno colorato di bianco la città, passeggiando a passo sostenuto o a ritmo scampagnata, scambiando due parole con amici e parenti. Una mattinata che ha unito tutti in un unico abbraccio, dai bambini agli anziani, tutti con un unico scopo: concorrere a dare una mano ad una lotta, quella contro i tumori, nella quale il fondo Edo Tempia è da sempre all’avanguardia.

Chi ha vinto la corsa? La parola chiave è “tutti”! Hanno vinto i primi due che hanno tagliato il traguardo, ovvero Luca Valz e Vincenzo Stola, arrivati insieme mano nella mano. Ha vinto Chiara Meliga, la prima donna. E poi i tanti over 70 che hanno affrontato senza paura i 5500 metri del percorso. E i bambini, quelli che hanno corso nel minitracciato a loro riservato, o che si sono cimentati in quello lungo, alcuni di corsa, alcuni in braccio o sulle spalle delle loro mamme o dei loro papà. E le famiglie che si sono ritrovate per l’occasione. E gli ultimi, quei signori che sono ritornati in piazza Vittorio Veneto dopo circa un’ora e mezza, scortati da quell’ambulanza che rappresentava il fine corsa e che fortunatamente è servita solo a quello, come ha sottolineato lo speaker dell’evento.

Al traguardo panini, dolci, pizzette, acqua, té caldo e i premi a sorteggio messi a disposizione dagli sponsor dell’evento con l’appuntamento fin da ora all’anno prossimo: sarà nuovamente una grande festa.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome