Ultimo atto, in due o tre parti, del campionato di serie B2 femminile. Domani sera a Chiavazza la Prochimica Novarese Virtus Biella proverà a mettere il primo tassello di quello che potrebbe essere un vero miracolo sportivo, come sottolinea coach Cristiano Mucciolo (nella foto a lato). «Abbiamo raggiunto un traguardo incredibile, un mezzo miracolo sportivo che ora mi piacerebbe trasformare in qualcosa di ancora più grande. Sono fiducioso perché ho grande stima nel gruppo e perché quando arrivi in finale è normale che sia così: non è mai un caso».
Come si sconfigge l’Ostiano? «Non c’è una ricetta: giocando bene ce la possiamo fare: è una formazione molto simile alla nostra e sono convinto che la partita si giocherà su pochi dettagli tattici e molti dettagli tecnici. E questo vale anche per loro».
Quindi si parte con un 50% a testa di possibilità di salire in serie B1? «Si, assolutamente. Da parte delle mie ragazze voglio una partita serena, a viso aperto, per provare a vincere con la consapevolezza di potercela fare».
Come stanno le ragazze? «Sono pronte, ma sono un pochino più tese rispetto al prepartita contro Almenno: negli ultimi allenamenti ci abbiamo messo un po’ di più ad ingranare, ma è normale».
Fischio d’inizio alle ore 21, ma la società chiede e consiglia di arrivare al PalaSarselli con largo anticipo considerando la possibile grande affluenza anche di tifosi ospiti: nell’andata della semifinale ci fu il pienone già mezz’ora prima.
Il match di ritorno è previsto a Ostiano, in provincia di Cremona, mercoledì prossimo alle 20.30: in caso di parità vittorie la decisiva gara di spareggio si giocherà nuovamente a Biella sabato 9 giugno alle ore 21.
Le ospiti, come la Virtus, hanno saltato il primo turno dei playoff accedendo direttamente alla semifinale dove hanno sconfitto in due gare l’Arco Riva di Trento: 3-2 in casa e 3-0 in trasferta.
In campionato hanno tenuto un ritmo simile a quello delle nerofucsia biellesi, chiudendo il girone B lombardo-emiliano con 61 punti, frutto di 20 vittorie e 6 sconfitte (3 in casa e 3 fuori casa) contro 63 punti (21/5 di score) della Virtus Biella nel girone A.
La società lombarda è protagonista di una cavalcata trionfale iniziata tre stagioni fa in Prima Divisione, passata dalle promozioni consecutive prima in serie D, poi in serie C e quindi in B2. In passato, nella stagione 2007/2008, il piccolo comune cremonese (circa 3000 abitanti) aveva anche assaporato un anno di A2, prima di abbandonare ripartendo dalle categorie provinciali.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome