Il Consiglio di Stato lo scorso 20 dicembre ha deciso che gli insegnanti in possesso di un diploma magistrale conseguito entro il 2001/2002 dovranno essere esclusi dalle Gae, le “Graduatorie a esaurimento” a cui sono iscritti i docenti in possesso di abilitazione all’insegnamento e che sono utilizzate per l’assunzione in ruolo. Chi ha il diploma magistrale dovrà essere inserito nelle Graduatorie d’istituto, che sono utilizzate per le supplenze.  In questa posizione ci sono anche moltissimi biellesi.
Una maestra che sta insegnando in una scuola elementare della città racconta la sua esperienza:  «Mi ritrovo, come tanti colleghi, in una situazione assurda: dopo 12 lunghi anni di precariato sono entrata in ruolo nel settembre 2016 superando brillantemente l’anno di prova. Adesso sono daccapo: perdere il mio tanto sudato e sognato ruolo oltre a crearmi problemi personali che sono facili da immaginare, rischierebbe di farmi perdere la continuità con i  bambini che seguo da tre anni come insegnante di italiano. Io ho sempre lavorato con professionalità e impegno e non intendo assolutamente rinunciare al sorriso dei miei amati alunni.
Noi insegnanti Diplomati Magistrali non siamo rimasti passivi davanti alla decisione del Consiglio di Stato che si renderà complice del nostro licenziamento di massa»
Le associazioni che difendono i precari diplomati magistrali hanno annunciato una manifestazione in piazza il prossimo 8 gennaio.
Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inerisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome